21/02/2020
Le responsabilità per i danni dell’intelligenza artificiale: riflessioni

Il tema della responsabilità dei danni subiti da persone o società è da tempo oggetto di diverse normative, sia italiane che sovranazionali o di altri paesi, che coprono diverse tematiche: imputabilità del danno, giurisdizione competente, quantificazione del danno, ecc… Tuttavia, l’emersione delle nuove tecnologie ha “fatto esporre il fianco” a tali normative vista la complessità nella definizione giuridica dell’intelligenza artificiale in tema di responsabilità (in altre parole, se è un soggetto giuridico che può rispondere del danno) e delle conseguenze che tale definizione può portare con sè.

Fatta questa breve, ma necessaria premessa, vediamo ora quali sono i punti che risultano avere maggiori problematiche nel rapporto tra intelligenza artificiale e responsabilità per danni:

  • Tipologia del danno, la (quasi) totalità degli ordinamenti giuridici riconosce come risarcibile il danno causato a persone o cose, mentre il danno economico non sempre è riconosciuto: in questo senso, un’intelligenza artificiale che elabora delle previsioni di mercato errate e causa come danno delle perdite economiche ai portafogli finanziari dei singoli potrebbe non essere risarcibile;
  • Nesso causale, solitamente la vittima del danno deve dimostrare il nesso causale dei fatti che permette di dimostrare la fonte che ha causato il danno e, altrettanto solitamente, può essere più o meno complesso dalle circostanze del danno. Tuttavia, in termini di intelligenza artificiale non è semplice poter dimostrare se questa abbia avuto un contributo nel danno e se questo sia dovuto all’intelligenza artificiale che ragiona in autoapprendimento (machine learning) o un errore (umano) di programmazione;
  • Responsabilità dei collaboratori, non è chiaro se una macchina che auto-apprende possa essere qualificata come collaboratore e avere un ruolo in caso di responsabilità;
  • Accettazione del rischio, non è chiaro se una macchina sia in grado di fare una valutazione del rischio e accettarlo per poi causare il fatto che ha portato al danno;
  • Danno da prodotto, non è chiaro se l’intelligenza artificiale possa essere considerata un prodotto o se l’intelligenza artificiale possa essere responsabile per il prodotto dei propri risultati;
  • Assicurazione, le compagnie assicurative trovano complessità nel valutare (almeno) le questioni di cui ai punti precedenti e non riescono a (o preferiscono non) produrre una polizza assicurativa.

Questi spunti, allo stato attuale, sono oggetto di profonde riflessioni da parte di enti istituzionali, politici e corporate interessati a poter dare maggiore sicurezza regolamentare a questo tipo di realtà allo scopo di dare un maggiore sviluppo tecnologico ed economico a questa tecnologia.

SEI INTERESSATO AI NOSTRI SERVIZI?
Contattaci!
SCRIVICI E TI CONTATTEREMO NOI!